Cosa sono i DSA?

I DSA sono i disturbi specifici dell’apprendimento che consistono in un insieme di difficoltà che riguardano la lettura, la scrittura e il calcolo.
Si tratta di disturbi specifici, che interessano cioè un dominio preciso.

Ecco perché il bambino con DSA non ha un’intelligenza sotto la norma, né tantomeno deficit sensoriali o neurologici. Parliamo di un bambino perfettamente in linea con gli altri, spesso vigile e creativo come pochi!

I DSA comprendono la dislessia, la discalculia, la disgrafia e la disortografia, disturbi che spesso interferiscono tra loro.

Si tratta di una difficoltà nella decodifica del testo. Leggere, scrivere e calcolare per noi sono atti talmente semplici ed automatici..

Alti disturbi dell’apprendimento sono: Discalculia, disortografia e disgrafia si tratta di disturbi legati principalmente  al calcolo e alla scrittura.

Linee Guida DSA

Paura della Diagnosi DSA?

La diagnosi della DSA non ha nulla di così spaventoso! Viene fatta dopo determinati test assegnati al bambino/ragazzo sospetto DSA, test che peraltro molto spesso divertono e stimolano il bambino. Si tratta di uno strumento molto importante, che consente d’intraprendere percorsi utili affinché ogni ragazzo persegua i propri obiettivi scolastici in modo sereno e soddisfatto.

Può capitare, infatti, che le conseguenze di questi disturbi si traducano in bassa autostima e motivazione, incidendo così su un fallimento scolastico, ed è proprio quello che Gocce di memoria vuole evitare che accada.

Quali sono i segnali per capire che si tratta di un DSA?

Sebbene la diagnosi sia possibile dal secondo anno di scuola elementare, è possibile individuare anche prima una fragilità nell’acquisizione di determinate competenze, come difficoltà nel nominare le parole, dividerle in sillabe scorrette, formare una parola priva di senso. Ancora: notare che il bambino impugna la penna in maniera anomala, manipola difficilmente determinati oggetti come forbici o colori a matita, fa fatica a copiare dei disegni o ricomporre delle immagini.

Spesso sono gli insegnanti -oltre che i genitori- ad accorgersi di tali difficoltà e quindi farle presenti. E’ necessario così programmare un intervento adeguato, capace di rendere rilassato il soggetto con DSA.

Come deve essere un trattamento adeguato per la DSA?

Gli interventi devono considerare il disturbo specifico ma anche la sfera emotiva del soggetto con DSA. Questo perché diversi ragazzi nascondono una sofferenza importante a causa del loro disturbo e delle lacune che implica, e ciò può incidere sull’autostima e la motivazione. Può succedere che si sentano “inferiori” in una classe dal rendimento buono, oppure che si vedano come i soliti “stupidi” che non ce l’hanno fatta a raggiungere la sufficienza. In questa situazione è importante dunque lavorare sul disturbo specifico e sull’emotività, valorizzando le caratteristiche personali di ogni ragazzo.

Gocce di Memoria studia percorsi personalizzati e diversi in base ad ognuno, avvalendosi di numerosi giochi formativi oltre che ai programmi specifici d’intervento, e ricorda sempre ad ogni ragazzo quanto sia ricco di pregi e risorse meravigliose!

Come sono tutelati di DSA?

La legge n.170 del 2010 prevede che la diagnosi dei DSA, effettuata presso enti accreditati, permetta l’utilizzo da parte dei bambini/ragazzi in questione di strumenti compensativi, di cui parliamo nella sezione “Piano Didattico Personalizzato”.